Nuovi prodotti IGP

Due nuovi prodotti alimentari toscani sono stati denominati come di Indicazione Geografica Protetta nel periodo recente: la finocchiona e il cantuccio toscano.

Il riconoscimento di un prodotto come distintivo di una Regione è volto a proteggere lo stesso da eventuali produzioni che, in modi diversi, rischiano di compromettere la specificità della prodotto originario.

Il riconoscimento comporta l’iscrizione dei produttori all’Ente di controllo il cui compito è la verifica del rispetto del disciplinare. I consorzi nati per la tutela del prodotto IGP hanno la funzione di aiutare i consorziati a tutelare e diffondere i propri prodotti.

Produttori che non aderiscono all’Ente non possono vendere i loro prodotti con le denominazioni protette, ne con nomi che evochino, imitino o richiamino il nome del prodotto IGP (ad esempio un produttore non iscritto all’ente di controllo della finocchiona non può commerciare un prodotto la cui denominazione di vendita richiami il finocchio).

Cosa diversa dall’etichetta commerciale è l’etichetta tecnica, dove sono riportati gli ingredienti, e che deve rispettare i criteri di informazione al consumatore dettati dal Reg. CE 1169/2011.

Per informazioni dettagliate sulle modalità di tutela di un prodotto IGP, sugli obblighi dei produttori e sulla conformità delle etichette, potete contattare IDIS (dott. Elena Baistrocchi – e.baistrocchi@idislab.it)